fb

ACT, Tourism Talents Factory.

L’importanza della formazione orientata al lavoro e ai valori della contemporaneità: innovazione, digitale, sostenibilità e creatività. Per progettare il turismo di domani.

ACT, Tourism Talents Factory.

Blog

30/11/2020




Il mondo ACT cresce e sviluppa nuove opportunità implementando la propria offerta formativa.
La direzione didattica di ACT fissa lo sguardo oltre la crisi e inserisce elementi di novità all'interno di tutti i percorsi formativi ponendosi al passo con le trasformazioni epocali. Gli ambiti valoriali e tecnici della formazione ACT sono sempre stati la sostenibilità, l'innovazione, il digitale, la creatività e l'esperienzialità nella didattica orientata al saper fare. Oggi questi riferimenti intercettano il cambiamento e si allineano ai nuovi assetti del mercato che, in piena autoanalisi, sta compiendo un rapido quanto insolito processo di revisione destinato a interessare tutti i livelli, dai paradigmi organizzativi, alla tecnologia, ai modelli di business.

La prestigiosa Faculty dell'Accademia Creativa Turismo, nell'aggiornare i propri programmi ha osservato i trend degli ultimi anni quali ad esempio la necessità di rapportarsi ai diversi “turismi” nella considerazione delle varie declinazioni tematiche, una maggiore sensibilità verso i temi della sostenibilità, l'approccio del travel design nella programmazione del viaggio e l'importanza dell'attività consulenziale verso il viaggiatore, ma si è anche decisamente proiettata verso il futuro tenuto conto del rimescolamento delle carte causato dalla pandemia fra battute d'arresto, ripartenze contingentate, riorganizzazione delle misure a tutela della salute e progettazione di nuovi modelli di business finalizzati ad affrontare i nuovi scenari, con la speranza di tornare, per altre vie, ai numeri di un passato ancora molto recente.
È in corso dunque una profonda valutazione degli aspetti qualitativi di un settore strategico per l'economia italiana che prima della pandemia cubava il 13 % del PIL con un trend di crescita costante, significativo anche per l'indotto. Vengono prese in esame non solo ipotesi di compensazione al baratro sui numeri lasciato dai turisti stranieri per la messa a punto di una progettualità orientata allo sviluppo del turismo domestico, ma ci si sofferma a riflettere sulle distorsioni del turismo. Ed è così che, accanto alla riflessione sulla danno seriale causato da fenomeni come l'overtourism o dal mancato guadagno dovuto alla scarsa valorizzazione delle aree interne del Paese che avrebbero potuto rappresentare una valida alternativa non soltanto in tempi di pandemia sotto il cappello del “turismo di prossimità”, si fa largo la necessità di ripensare i territori seguendo una logica di sistema. Il turismo viene visto da più parti come un motore immobile in grado, come poche altre attività, di azionare progetti integrati che vedono le diverse componenti performare simultaneamente in funzione di uno sviluppo ragionato e sostenibile.
Il turismo che potrebbe interessare le aree interne non è ancora sistematizzato per il mercato nella maggior parte dei territori italiani ma presenta un enorme potenziale. È qui che possono nascere opportunità di sviluppo, nuove figure professionali legate al territorio, crescita sociale ed economica, tutela dei patrimoni culturali.
Questo ACT lo sostiene da anni anche nei fatti avendo intrapreso diverse iniziative come il progetto “Piccole Patrie” realizzato in partnership con SIMTUR e SharryLand, che ha lo scopo di promuovere le identità dei piccoli comuni ricchi di storia e cultura e le comunità locali attraverso la lente del turismo sostenibile. I fronti che vedono l'impegno dell'Associazione ACT nel promuovere il rilancio dei territori vedono l'applicazione concreta di interventi di marketing territoriale, travel design, turismo esperienziale connesso ai patrimoni culturali dei territori, tourism management sistemico in grado di trasformare le leve strutturali dei patrimoni artistici, enogastronomici, paesaggistici in leve competitive pronte a generare ottimizzazioni e offerte in grado di competere sul mercato. Proprio per questo ACT si distingue per propositività anche rispetto ai temi della professionalizzazione delle risorse umane da impiegare nel turismo in queste aree non ancora in grado di offrire risposte adeguate in termini di standard qualitativi anche in relazione alle performance che i diversi target di viaggiatori ormai richiedono.

Oggi il Comitato scientifico di Accademia Creativa Turismo sta passando al vaglio tutti i saperi ricomponendo il DNA del know-how specialistico con l'aggiunta di elementi legati alla contemporaneità anche in rapporto alle previsioni degli analisti.

Sinteticamente, cosa può offrire oggi un'Accademia qualificata che forma risorse per il settore turistico alla luce dei cambiamenti sopraggiunti? Perché è fondamentale investire sulla formazione specialistica e certificata e quale può essere il valore aggiunto di una realtà come ACT che trasforma il talento nella migliore opportunità professionale? Vediamolo per punti.

  • Didattica in aula e programmi specifici di formazione a distanza (smart learning) in modalità live.

  • Direzione didattica con trent'anni d'esperienza nel turismo e nell'alta formazione.

  • Trasferimento di competenze manageriali e tecnico-operative.

  • Prima scuola del turismo ad avere introdotto percorsi specialistici sul turismo sostenibile e sulla metodologia del travel design.

  • Promozione della cultura del turismo sostenibile orientata alla tutela dell'ambiente, al rispetto delle comunità locali e allo sviluppo dei territori.

  • Propensione della Faculty a elaborare programmi didattici innovativi e sempre in linea con le evoluzioni del mercato, in stretto collegamento con le imprese del settore turistico e la digital transformation.

  • Docenti esperti, in grado di far emergere e valorizzare il talento dei giovani attraverso le più efficaci metodologie.

  • Didattica esperienziale e realismo operativo ispirato ai modelli gestionali propri delle imprese turistiche (inclusi nei programmi: project work in aula fisica e virtuale, live project in collaborazione con le aziende, attività outdoor come site inspection, escursioni didattiche e partecipazione a fiere di settore).

  • Corsi in formula full time e weekend.

  • Possibilità di percorsi didattici personalizzati.

  • Stage retribuito in Italia e all'estero (placement: 95%).

  • Rilascio certificazioni internazionali (Micros Fidelio Opera e GDS Galileo).

  • Attivazione durante il percorso formativo di una rete di relazioni internazionali con i principali operatori e player del settore.

  • Borse di studio e agevolazioni nei pagamenti.

Sempre nel quadro degli interventi volti alla diffusione di una cultura della sostenibilità, proprio di recente ACT ha ampliato la propria offerta didattica includendo il catalogo corsi di Movability, un'iniziativa in collaborazione con SIMTUR e SharryLand studiata ad hoc per la formazione e professionalizzazione delle risorse da destinate alla mobilità sostenibile, un asset cruciale del nostro tempo. Inoltre il concetto di turismo e mobilità sono strettamente connessi sia in relazione ai territori interni che alle aree urbane e la sostenibilità risulta sempre di più l'elemento di trasversalità unificante dei diversi settori che concorrono allo sviluppo.
Ogni quindici giorni ACT è online con open day dedicati a presentare in dettaglio tutti i corsi nella massima trasparenza. Questi eventi coinvolgono molti giovani utenti della rete interessati a lavorare nel turismo che hanno compreso l'importanza della formazione per la riqualificazione del settore in un momento delicato come quello che stiamo vivendo. A tutti loro viene riservata la possibilità di ottenere colloqui di orientamento e agevolazioni nel percorso di studio.

La community ACT è un organismo aperto, inclusivo e dinamico pronto ad accogliere nuovi talenti e a riabbracciare virtualmente vecchi studenti per sessioni gratuite di aggiornamento.

 

Marina Ricci - Redazione ACT