fb

Prenotare una vacanza: la terza fase del travel cycle si concentra sugli aspetti della prenotazione del viaggio.

Prenotare una vacanza: la terza fase del travel cycle si concentra sugli aspetti della prenotazione del viaggio.

Blog

01/04/2019



In questo secondo appuntamento scopriamo un aspetto importante della terza fase del ciclo-cliente, prenotare una vacanza.

Fase 3: prenotare una vacanza, l'importanza del contatto col cliente

Ormai sappiamo tutti che la fase di ricerca di informazioni su un viaggio avviene prevalentemente online (magari su un sito di un Tour Operator, ma comunque online); negli ultimi anni il mondo del web è lo scenario nel quale avvengono anche le prenotazioni, soprattutto quando si parla di vacanze low-cost e di viaggi a corto raggio.

La parte del leone, in quest'ottica, la fanno le OTA (Online Travel Agencies), anche se il direct booking per servizi e soggiorni complessi e con un alto grado di personalizzazione prenderà sempre più piede anche per prenotazioni che andranno al di là del semplice acquisto di una notte in hotel.

In merito alla prenotazione, dal 2013, è attivo sul mercato un nuovo mezzo di comunicazione: l'instant messaging. Da 6 anni circa è una tipologia di social con tassi di crescita molto importanti, tant'è che canali come WhatsApp (utilizzata da 22 milioni di italiani, dato del 2017), Telegram, WeChat e Facebook Messenger, nel turismo, stanno acquisendo un ruolo fondamentale.

Chi opera nel turismo dovrebbe obbligatoriamente tenere in considerazione questi moderni mezzi di comunicazione in quanto permettono di entrare in contatto diretto con i propri clienti per poter offrire servizi e assistenza personalizzata.

A differenza di turisti di altri paesi, come quelli cinesi che utilizzano WeChat, molto spesso anche per fare check-in in hotel e per prenotare treni, i turisti occidentali non utilizzano diffusamente l'instant messaging. Negli ultimi anni, tuttavia, si sta manifestando un uso sempre più massiccio da parte degli utenti, in ogni aspetto della vita quotidiana, che molto probabilmente si trasformerà a breve in una modalità di acquisto delle vacanze.

In conclusione, il messaggio per gli addetti ai lavori è: non pensiate che WhatsApp e simili siano canali di comunicazione solo tra persone, aggiungeteli ai vostri mezzi di comunicazione aziendale che utilizzate con la clientela!

La prossima settimana parleremo della fase seguente a quella di prenotare una vacanza, cioè quella di viverla! Restate sintonizzati!